fbpx

Quella tra Amore e Psiche è una delle leggende d’amore più belle di sempre. A scriverla fu, nel II Secolo d.C, lo scrittore latino Apuleio nelle sue “Metamorfosi”. 

Metafora dell’eterna battaglia tra razionalità e istinto, tra cuore e cervello, la leggenda racconta la storia del Dio Amore (Cupido) e della bellissima Psiche.

LA LEGGENDA NARRA…

“Vi erano in una città un re e una regina. Questi avevano tre bellissime figliole. Ma le due più grandi, quantunque di aspetto leggiadrissimo, pure era possibile celebrarle degnamente con parole umane; mentre la splendida bellezza della minore non si poteva descrivere, e non esistevano parole per lodarla adeguatamente”. Inizia così la leggenda che narra la storia di Amore e Psiche. Psiche era bellissima, la sua grazia e il suo splendore erano tali da attirare le invidie di Venere (Dea della bellezza) che, per vendicarsi, decise di chiedere aiuto a suo figlio Amore (Cupido). L’invidiosa dea chiese a suo figlio di colpire Psiche con una delle sue infallibili frecce e di farla innamorare dell’uomo più brutto della terra. Amore accettò ma, una volta arrivato di fronte alla fanciulla, rimase così incantato dalla sua bellezza da distrarsi al punto che una delle sue frecce lo colpì, facendolo innamorare perdutamente della splendida fanciulla.

LA STORIA D’AMORE

Per vivere il suo amore “mortale” il Dio, di nascosto dalla madre, portò Psiche nel suo palazzo senza rivelarle la sua identità. Ogni sera, al calar del sole, Amore andava dalla fanciulla e, senza mai mostrarle il volto, i due vivevano intensi momenti di passione. La giovane principessa aveva accettato il compromesso ma, si sa, la curiosità è donna e una notte, mentre Amore dormiva, Psiche si avvicinò al suo volto con una lampada restando folgorata dalla bellezza del suo amante. Mentre ammirava il profilo di Amore, però, una goccia d’olio della lampada cadde accidentalmente sul giovane che, risvegliatosi, scappò via abbandonando la fanciulla.

LE PROVE E IL LIETO FINE

Quando Venere venne a sapere dell’accaduto scatenò la sua ira su Psiche che, per punizione, venne sottoposta dalla Dea a difficili prove. La principessa superò brillantemente le prove, anche grazie all’aiuto di vari esseri divini, e questo fece ancora più infuriare Venere che le pose un’ultima prova: discendere negli inferi e chiedere alla dea Prosepina un po’ della sua bellezza. Come ordinatole dalla Dea, Psiche si recò negli inferi ma, stavolta, fallì. Nonostante le fosse stato ordinato di non aprire l’ampolla donatale da Prosepina la fanciulla, incuriosita, aprì il l’ampolla dalla quale uscì una nuvola che fece cadere Psiche in un sonno profondissimo. Intanto Amore, preso dalla nostalgia, andò alla ricerca della sua amata e, quando la trovò, la risvegliò. Per non rischiare di perderla di nuovo Amore condusse Psiche sull’Olimpo dove, grazie all’appoggio e all’aiuto di Giove, la giovane principessa, dopo aver bevuto dell’ambrosia, divenne una dea. La leggenda si conclude con il matrimonio dei due innamorati e la nascita di una bellissima bambina che prese il nome di Voluttà.

LA FAVOLA ILLUSTRATA

Amore e Psiche, pubblicato da L’Asino d’oro Edizioni, è un volume che unisce i disegni di Daniele Durante e i testi di Annamaria Zesi, per raccontare una delle storie d’amore più antiche del mondo, riadattando il testo di Apuleio attraverso un lavoro non solo d’immagine ma anche su un testo che restituisce i suoni e le atmosfere dell’antico racconto orale di miti e leggende. 

L’intreccio narrativo di Amore e Psiche è presente in narrazioni che compaiono nel corso dei millenni in tutto il mondo, dall’India, alla Scandinavia, dalla Siberia giù fino alla Sicilia e al Maghreb. Come ebbe a dire lo psichiatra Massimo Fagioli, «Psiche è una protagonista, che attraverso tutto il percorso della storia realizza la sua piena identità di donna». Nella versione attuale della fiaba Annamaria Zesi ha scelto di utilizzare molti registri narrativi, tratti da varie fonti: dalle fiabe antiche di tradizione orale, dall’epica, dalla letteratura favolistica, mescolando lingua alta e bassa e affidandosi anche a espressioni sia popolari sia letterarie.

Annamaria Zesi, laureata in Lettere proprio con una tesi sul tema di Amore e Psiche, ha ripreso e approfondito nel tempo gli studi sulla letteratura di tradizione orale, con particolare attenzione all’origine e alla “fortuna” di questa suggestiva favola, cui ha dedicato gran parte delle sue ricerche e su cui ha pubblicato diversi articoli e saggi. In precedenza ha lavorato nell’ambito del teatro di ricerca, collaborando con il Teatro Stabile “La Loggetta” di Brescia, con il Festival Teatrale di Santarcangelo di Romagna, con il Teatro Spazio Zero di Roma. Ha fondato e diretto il Teatro Tenda Campo Boario di Latina.

Daniele Durante è architetto, PhD in “Design, Arti e Nuove Tecnologie”, docente presso la Facoltà di Architettura de La Sapienza”Università di Roma e Visiting Critic alla Cornell University. Fin dagli studi artistici non ha mai interrotto la sua ricerca e la sua prassi nell’ambito delle arti figurative.

Ci sei quasi!

Sei a un passo dal ricevere il Settimanale Indipendente! Non ti invierò mai alcun tipo di spam, hai la mia personale garanzia di qualità J

Complimenti! A breve riceverai una email di conferma, se non la vedi, controlla nello spam!

Ci sei quasi!

Sei a un passo dal ricevere i 10 Libri da Leggere prima di Morire! Non ti invierò mai alcun tipo di spam, hai la mia personale garanzia di qualità!

Complimenti! A breve riceverai una email di conferma, se non la vedi, controlla nello spam!

Ci sei quasi!

Sei a un passo dal ricevere Le 3 Case Editrici che pubblicano Libri migliori della GDO! Non ti invierò mai alcun tipo di spam, hai la mia personale garanzia di qualità!

Complimenti! A breve riceverai una email di conferma, se non la vedi, controlla nello spam!