fbpx

Mal di pietre

Milena Agus

da | Luglio 5, 2019 | Libri

mal di pietre

Anagrafica:

Autore: Milena Agus
Editore: Nottetempo
Data: Ottobre 2006
Pagine: 119

Naviga i contenuti:

Recensione

Cari lettori, oggi la nostra Serena Pisaneschi ci parla di "Mal di pietre" di Milena Agus, un romanzo incantevole ed emozionante!

Mal di pietre” di Milena Agus, edito Nottetempo, è un libro che si legge in poche ore, io l'ho iniziato e finito in treno grazie a un weekend fuori porta. Il treno sfilava veloce lungo le rotaie, tra campagna e gallerie, ma io me ne sono stata incollata alla storia di una donna alla perenne ricerca dell'amore.

TRAMA

Chi ci racconta tutto non è la protagonista del libro, ma sua nipote. Ci parla della vita travagliata di una donna creduta pazza perché capace di forti passioni, una donna che si sposa tardi con un uomo che non ama, del quale ha più timore che rispetto. Una donna che perde molti bambini appena approdano nel proprio ventre e lotta contro i calcoli renali - ma di pietre, appunto. Dopo anni di sofferenze va alle terme per seguire una cura e lì incontra un uomo, il Reduce, con il quale, finalmente, potrà vivere quello che lei chiama “la cosa più importante di tutte”: l'amore. Torna a casa rinvigorita da quell'amore, dal sentimento che ha agognato tutta la vita e finalmente l'ha trovata; quella piccola parentesi di calore che ha vissuto se la porterà dietro tutta la vita. 

PASSIONE

La passione smuove tutto. La protagonista ne è preda continuamente ma è costretta a soffocarla. Viene chiamata demonia quando scrive poesie romantiche ai pretendenti, viene chiamata pazza quando esplode d'ira o di frustrazione. Ma lei non è il diavolo e non è pazza, lei è passione pura.  Desidera un amore carnale, viscerale, ma si ritroverà a viverne uno senza fiamma. La trova nel Reduce la fiamma, e ci si scalderà per gli anni a venire fino a diventarne succube.

LA SARDEGNA

Arriva da tutte le parti, nel libro. Nella luce del sole, nell'odore del mare, nei cibi, nella cultura contadina. Alcuni passi, leggendoli, ci trasportano sull'isola senza farci muovere dalla sedia.

CONCLUSIONE

Durante tutto il libro si legge di una donna che si è ritrovata a vivere dentro la mediocrità di sentimenti poveri e lei, che mediocre non è, passerà ogni suo giorno sola e incompresa, nonostante sia circondata che persone che le vogliono bene. Ma nessuno la capisce e, per sopravvivere, si aggrappa all'unica scintilla che la sua mente è riuscita a creare. Si può sopravvivere grazie a un'illusione? Forse sì, quando non rimane altro.

Mi chiamo Virginia...

Nata a Desio, in provincia di Monza, 25 anni, 153 cm e mezzo (!!!).

Blogger per passione prima e per lavoro poi, credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, che spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Leggo circa 12 libri al mese, e li recensisco sul mio Blog LeggIndipendente.

Se vuoi farmi sapere cosa ne pensi, consigliarmi un libro, o anche solo fare due chiacchiere, puoi scrivermi a virginia@leggindipendente.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ci sei quasi!

Sei a un passo dal ricevere il Settimanale Indipendente! Non ti invierò mai alcun tipo di spam, hai la mia personale garanzia di qualità J

Complimenti! A breve riceverai una email di conferma, se non la vedi, controlla nello spam!

Ci sei quasi!

Sei a un passo dal ricevere i 10 Libri da Leggere prima di Morire! Non ti invierò mai alcun tipo di spam, hai la mia personale garanzia di qualità!

Complimenti! A breve riceverai una email di conferma, se non la vedi, controlla nello spam!

Ci sei quasi!

Sei a un passo dal ricevere Le 3 Case Editrici che pubblicano Libri migliori della GDO! Non ti invierò mai alcun tipo di spam, hai la mia personale garanzia di qualità!

Complimenti! A breve riceverai una email di conferma, se non la vedi, controlla nello spam!